35235197896 d85f580459 z

Dieta della farina d’avena, un modo per perdere peso in modo efficace

La dieta della farina d’avena, o dieta della farina d’avena, è una delle diete più interessanti e razionali per la perdita di peso. Anche se si basa su un solo prodotto, la farina d’avena, evita la monotonia e una nutrizione rigorosa. Componendo un menu nella dieta della farina d’avena, possiamo usare verdure, yogurt naturale e altri prodotti culinari favorevoli alla perdita di peso. Implementando la dieta della farina d’avena possiamo sbarazzarci dei chili indesiderati in modo permanente, efficace e soprattutto – in un modo che è sicuro per la salute. Impara i tipi e le regole della dieta della farina d’avena. Controlla come costruire un menu!

Perché la farina d’avena è la base perfetta per una dieta dimagrante?

 Un barattolo con farina d'avena, accanto ad esso una ciotola con farina d'avena

Lafarina d’avena è uno dei prodotti preferiti dalle persone che cercano di ridurre il peso. Sono estremamente sani, regolano la digestione, abbondano di i livelli di zucchero nel sangue, riempiono e soddisfano perfettamente la fame.

La farina d’avena è molto versatile nell’uso – può costituire la base della farina d’avena, ma funziona bene anche come aggiunta a frullati, paste, torte, cotolette, creme da spalmare, dessert dietetici, prodotti da forno e altri piatti. In forma macinata, possono anche essere un buon sostituto del pangrattato standard.

Un gran numero di applicazioni e benefici per la nostra salute e figura fanno della farina d’avena un grande alleato di ogni persona durante la perdita di peso.

Farina d’avena – calorie

Anche se la farina d’avena secca ha un sacco di calorie, perché circa 370 kcal per 100 g, non è pericoloso per la nostra figura. Perché? In primo luogo, sono molto leggeri, quindi li usiamo poco alla volta (100 g di farina d’avena sono sufficienti per preparare diversi porridge). In secondo luogo, grazie all’alto contenuto di fibre (10 g in 100 g di farina d’avena), vengono digerite lentamente, non provocano improvvisi picchi di zucchero nel sangue e non fanno ingrassare.

Farina d’avena – calorie

La farina d’avena, la base della dieta della farina d’avena, è un piatto leggero e non provoca aumento di peso, sia che venga preparata con acqua, latte o yogurt.

La versione più ascetica e più magra è naturalmente la farina d’avena sull’acqua, senza additivi, o solo addolcita con un po’ di miele. Se ti piacciono questi piatti minimalisti, puoi usare la farina d’avena sull’acqua quanto vuoi, ma se preferisci pasti un po’ più ricchi, puoi prepararla con latte, yogurt, il tuo formaggio preferito o succo di frutta.

Buone aggiunte saranno anche: noci, frutta secca e cruda, cacao, semi e semi, noci. Non preoccupatevi. Una farina d’avena così ricca non ci fornirà pieghe aggiuntive di grasso, ma soddisferà il nostro appetito e fornirà molti nutrienti preziosi dagli additivi che abbiamo usato per la farina d’avena.

Esempio del valore calorico di diversi tipi di farina d’avena:

  • farina d’avena su acqua (1 porzione – circa 250 g) – circa 200 kcal
  • farina d’avena con latte (1 porzione – circa 250 g) – circa 280 kcal
  • farina d’avena con yogurt (1 porzione di circa 250 g) – circa 300 kcal

Come fare la farina d’avena nel modo più semplice e veloce? Versare la farina d’avena in una ciotola, versarvi sopra l’acqua bollente o il latte caldo, mescolare leggermente e mettere da parte per 5 minuti. Quando i fiocchi si gonfiano, aggiungete i vostri condimenti preferiti e il gioco è fatto.

Farina d’avena – indice glicemico

L’indice glicemico della farina d’avena è basso, il che la rende un prodotto molto prezioso per le persone che si sforzano di ridurre il peso corporeo, così come per tutte le persone che lottano con disturbi di zucchero nel sangue. Il valore finale dell’indice glicemico della farina d’avena dipende da quanto è stata lavorata.

L’indice glicemico della farina d’avena semplice e di montagna è di 40, mentre l’indice glicemico della farina d’avena istantanea è poco più di 40. Questi valori si applicano ai fiocchi secchi e crudi.

Dopo la cottura, l’indice glicemico della farina d’avena aumenta leggermente (a circa 50-55), ma è ancora un valore basso, completamente sicuro per la nostra figura e per l’economia insulinica del nostro corpo.

Tipi di dieta della farina d’avena

 Farina d'avena e frutta secca in un'insalatiera

Nell’edizione più restrittiva, la dieta della farina d’avena consiste nel mangiare per una settimana o due settimane quasi esclusivamente farina d’avena su acqua o latte scremato. L’apporto calorico in questo caso è molto basso, troppo basso per mantenere il corretto lavoro del nostro corpo (assumiamo solo circa 800-1000 kcal al giorno). Questa variante non può assolutamente essere raccomandata – le monodiete fortemente limitate non si riflettono mai bene sulla salute e sul benessere e quasi sempre finiscono con disintossicare il corpo, sbarazzarsi delle sostanze nocive e dell’acqua in eccesso, ridurre il livello di colesterolo cattivo e i depositi di grasso dai vasi sanguigni e alleviare il fegato.

Durante la dieta della farina d’avena di un giorno, si mangia solo farina d’avena durante il giorno. Lo prepariamo da 7-8 cucchiai di farina d’avena di montagna e 2 litri di latte scremato. Poi dividiamo questo in 5-6 piccole porzioni e mangiamo ogni 2-3 ore.

La dieta della farina d’avena di un giorno è una dieta tipicamente salutare, che porta i migliori risultati se viene fatta periodicamente, per esempio, una volta ogni due o tre settimane.

Se vuoi perdere efficacemente qualche chilo, né la dieta radicale settimanale della farina d’avena, né la dieta detergente della farina d’avena di un giorno non fanno certo per te. Un’opzione molto migliore sarebbe una dieta a lungo termine a base di farina d’avena, che seguiremo per un mese o due, e che ci aiuterà a liberarci gradualmente del peso in eccesso senza il successivo effetto yo-yo.

Dieta a lungo termine della farina d’avena – le regole

La dieta a lungo termine della farina d’avena è un modo per perdere il peso in eccesso, mentre frullati, piccole porzioni di carne molto magra (per esempio un pezzo di tacchino o un filetto di pollo, una fetta di lombata).

La farina d’avena deve apparire in quasi tutti i pasti.

Nella prima fase, non dovremmo consumare più di 1400 kcal al giorno (in alcune fonti si danno 1200 kcal come quantità massima, ma per la maggior parte delle persone è un po’ troppo poco). È confortante sapere che questa fase cruda è breve, solo pochi giorni. Ha lo scopo di pulire a fondo il corpo, eliminare l’acqua sottocutanea in eccesso, accelerare il metabolismo e avviare il processo di combustione dei grassi.

Nella seconda fase della dieta della farina d’avena abbiamo molta più libertà in cucina, anche se il nostro menu deve essere ancora basato sulla farina d’avena e rimanere ipocalorico.

Dieta della farina d’avena – un menu di esempio nella prima fase

  • 1 colazione: porridge con latte scremato
  • 2 colazione: frullato con verdure frullate e farina d’avena
  • Cena: 100 g. di petto di pollo cotto con erbe, insalata, 3 cucchiai di farina d’avena su acqua
  • Ora del tè: 3 carote
  • Cena: yogurt naturale con 3 cucchiai di farina d’avena

Dopo 5-7 giorni si entra nella seconda fase della dieta, incorporando gradualmente frutta, ricotta magra, prosciutto magro e filetto di pollame, noci, legumi, pesce magro. Cerchiamo di mangiare circa 1400-1600 kcal al giorno.

Mangiamo farina d’avena su latte scremato o yogurt ogni giorno, oltre a incorporare la farina d’avena nella maggior parte dei pasti.

Dieta a lungo termine della farina d’avena – menu nella fase 2 (esempio)

  • 1 colazione: farina d’avena su latte scremato con uvetta e semi di girasole
  • 2 colazione: panino di pane integrale con carne magra, un bicchiere di frullato di frutta mista e farina d’avena
  • Pranzo: 100 g di riso integrale, merluzzo alla griglia, fagiolini cotti
  • Ora del tè: frittata con albumi e farina d’avena
  • Cena: casseruola di verdure con farina d’avena

Ricordatevi di bere molta acqua (almeno 2 litri) ogni giorno durante tutta la dieta della farina d’avena.

Prodotti non ammessi in una dieta a base di farina d’avena

Durante la dieta della farina d’avena, elimina dalla tua dieta tutti i prodotti ipercalorici, malsani, ingrassanti, pieni di grassi e saturi di zucchero.

Non mangiamo carne grassa o carni grasse, snack salati, dolci, fast food, cibi altamente lavorati (per esempio zuppe istantanee), piatti di gastronomia, pane bianco, pasta bianca, patate. Non beviamo bevande colorate, caffè o alcol.

Effetti della dieta della farina d’avena

 farina d'avena con yogurt e frutta

Senso di sazietà duraturo, nessun problema di stitichezza e flatulenza, perdita graduale ed efficace del peso in eccesso, nessun attacco di fame forte, normalizzazione dei livelli di glucosio nel sangue – questi sono gli effetti di una dieta razionalmente composta di farina d’avena.

Quanto peso si può perdere con un piano di dieta a base di farina d’avena? Di solito si perde circa 1 kg a settimana, ma nella fase iniziale della dieta e se si è in sovrappeso, il tasso di perdita di peso può essere più veloce.

Ricordati di comporre il tuo menu in modo da non esagerare in un modo o nell’altro. Non possiamo tagliare le calorie troppo radicalmente. 1300-1400 kcal al giorno nella prima fase e 1500-1700 kcal al giorno nella seconda fase sono l’optimum. Non dimenticate di bere molti liquidi (acqua, acqua con limone, tè verde, succhi di frutta) ed evitare i prodotti della lista di quelli proibiti e i risultati saranno soddisfacenti.

Se di solito trovi difficile attenersi a una dieta, vale la pena prendere delle buone pillole dimagranti che sopprimono l’appetito, aumentano la sazietà nello stomaco, ti danno energia e vitalità e accelerano la combustione dei grassi.

https://www.healthline.com/health/food-nutrition/oatmeal-diet

  • https://www.medicalnewstoday.com/articles/311409
  • CATEGORIE:Dimagrante

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *