Dieta di Copenaghen (menu, regole, opinioni…) – 13 giorni in regime culinario. Ne vale la pena?

Dieta di Copenhagen – principi generali

Se siamo pronti per un regime dietetico totale, c’è la possibilità di riuscire a portare avanti la dieta di Copenhagen, ma in caso contrario è meglio cercare altri sistemi per la perdita di peso. La dieta di Copenhagen ci impone una serie di regole che vanno dalla quantità di calorie che possiamo consumare durante il giorno, al numero di pasti e menu, agli orari dei pasti. Possiamo dimenticarci delle cene tardive, dei pranzi deliziosi verso mezzogiorno o degli spuntini pre-centenari. Possiamo nascondere tutte le nostre abitudini alimentari in un cassetto, perché qui abbiamo a che fare con un rigoroso piano alimentare, in cui mangiamo esattamente 3 pasti al giorno ad orari rigorosamente definiti – colazione tra le 8 e le 9, pranzo tra le 12 e le 14, cena tra le 17 e le 18.

È vietato mangiare, mangiare piatti aggiuntivi (anche se molto poveri di calorie) e cambiare il menu. Dobbiamo anche rinunciare a tutti i tipi di liquidi – succhi di frutta, bevande, alcool, cocktail, tè alla frutta, acque aromatizzate. Il contenuto dei pasti è specificato con precisione, non ci sono eccezioni, non ci sono sostituzioni o porzioni di cibo aggiuntive. Il menu della dieta di Copenhagen è costruito sulla base di pochi prodotti, tra cui uova sode, carne magra e alcune verdure.

La dieta di Copenhagen è una dieta di 13 giorni. Durante questo periodo possiamo perdere da pochi a diversi chili, a seconda del livello di sovrappeso, del tasso di cambiamenti metabolici o dello stile di vita. Poiché si tratta di una dieta molto restrittiva ed è un pesante fardello per il corpo, possiamo farlo solo una volta ogni 2 anni. L’apporto calorico giornaliero durante la dieta di Copenhagen è di 600-800 kcal, che è un valore molto basso, quindi prima di procedere con questo piano di perdita di peso, dovremmo considerare se il nostro stile di vita ci permette di basare la nostra dieta di 13 giorni su una dieta così pesantemente tagliata.

Se, diciamo, facciamo lavori manuali o abbiamo molti compiti e siamo in fuga quasi tutto il giorno, la dieta di Copenhagen non fa per noi perché fornisce troppa poca energia. Operando ad alta velocità e mangiando 600 o 800 calorie al giorno, potremmo portare a stanchezza e complicazioni per la salute.

Si raccomanda di ridurre l’attività durante la dieta di Copenhagen. Dovremmo rinunciare non solo allo sport per questo periodo, ma anche ad altre attività più impegnative dal punto di vista fisico. Lo sport e l’alta attività fisica durante la dieta di Copenhagen possono avere conseguenze sotto forma di estrema stanchezza, abbassamento dell’umore, sonnolenza, mal di testa, irritabilità, debolezza o benessere generale.

Le controindicazioni alla dieta di Copenhagen sono:

  • sotto i 18 anni,
  • la vecchiaia,
  • la gravidanza e il periodo di alimentazione,
  • ipertensione, malattie cardiovascolari,
  • malattie del fegato e dei reni,
  • diabete,
  • problemi di stomaco, disturbi digestivi,
  • periodi di convalescenza,
  • bassa immunita’, cattiva salute.

Copenhagen Diet – menu, prodotti ammessi e non ammessi

La dieta di Copenhagen presuppone una riduzione radicale dei grassi e dei carboidrati. L’elenco dei prodotti vietati è qui estremamente lungo, e viceversa, quello con prodotti consentiti ha solo pochi articoli. Inoltre, durante il giorno abbiamo a disposizione solo 3 pasti molto modesti, costituiti, per esempio, da uova sode e carote, o dal befsztyk stesso. In alcuni giorni il menù è ancora più ridotto – non possiamo mangiare niente per cena o abbiamo solo caffè con zucchero a colazione. È possibile funzionare normalmente su un menu di questo tipo?

Prodotti vietati dalla dieta di Copenhagen:

  • pane (l’eccezione è un brindisi, che possiamo mangiare il 3, 6, 10 e 13° giorno della dieta),
  • Dolci, zucchero,
  • snack salati,
  • piatti pronti,
  • salse, maionese,
  • succhi di frutta, bevande, alcool,
  • cereali, crusca,
  • gole, riso, pasta,
  • patate,
  • legumi,
  • tutti i formaggi tranne la ricotta naturale,
  • Yogurt alla frutta, formaggio omogeneizzato, dessert al latte,
  • panna, latte, burro,
  • tutta la carne tranne il filetto di manzo magro e il petto di pollo,
  • la maggior parte dei salumi (tranne il prosciutto magro),
  • miscele di spezie pronte per l’uso,
  • Sale,
  • gomma da masticare.

Prodotti ammessi nella dieta di Copenhagen:

  • carne magra di manzo e petto di pollo,
  • pesce magro (trota, sogliola, merluzzo),
  • uova sode,
  • piccole quantità di frutta,
  • verdure (spinaci, broccoli, pomodori, carote, lattuga),
  • prosciutto magro,
  • yogurt naturale,
  • erbe,
  • acqua minerale in grandi quantità (minimo 2 l di acqua al giorno).

Non creiamo le nostre composizioni culinarie a partire dai prodotti consentiti, ma le consumiamo secondo il menu dall’alto, che troverete qui sotto.

Dieta di Copenhagen: dieta di base

Purtroppo la dieta a Copenhagen non è molto varia, i pasti sono piccoli, spesso ripetitivi, omogenei e ascetici (ad esempio, nell’ambito di un pasto mangiamo solo 200 g di carne e qualche foglia di lattuga o semplicemente carote grattugiate con succo di limone). Non possiamo aggiungere prodotti ai nostri pasti o cambiare i menù tra un giorno e l’altro (quello che devo mangiare oggi, mangiare domani, e quello che devo mangiare domani, oggi). L’unica modifica che possiamo apportare è quella di invertire l’ordine dei pasti entro un giorno, cioè di consumare un set per il pranzo al mattino, e il set per il pranzo del mattino, ecc. Ecco il menu esatto:

Giorno 1 (menu ripetizione giorno 8)

  • Colazione: una tazza di caffè nero con zolletta di zucchero
  • Cena: 2 uova sode, 1 pomodoro, 1 bicchiere di spinaci lessati o broccoli
  • Cena: una bistecca di circa 200 g (da una partita più magra di manzo), qualche foglia di lattuga o un mix di insalate con un cucchiaio di olio e succo di limone

Giorno 2 (menu ripetizione giorno 9)

  • Colazione: una tazza di caffè nero con zolletta di zucchero
  • Cena: bistecca, diverse foglie di lattuga con un cucchiaio di olio e succo di limone, 1 frutto selezionato
  • Cena: 1 fetta più spessa o più fette sottili di prosciutto magro, un bicchiere incompleto di yogurt naturale

Giorno 3 (menu ripetizione giorno 10)

  • Prima colazione: una tazza di caffè nero con zolletta di zucchero, 1 toast da una fetta di pane (preferibilmente integrale)
  • Cena: 1 bicchiere di spinaci lessati, 1 pomodoro, 1 qualsiasi frutta
  • Cena: 2 uova sode, 1 fetta più spessa o diverse fette sottili di prosciutto magro, diverse foglie di lattuga o un mix di lattuga con 1 cucchiaio di olio e succo di limone

Giorno 4 (menu ripetizione giorno 11)

  • Colazione: una tazza di caffè nero con zolletta di zucchero
  • Cena: 1 uovo sodo, 1 grossa carota grattugiata, ricotta naturale o formaggio di campagna (ca. 150 g)
  • Cena: circa mezzo bicchiere di composta senza zucchero (composta che mangiamo con la frutta), meno di un bicchiere di yogurt naturale

Giorno 5 (menu ripetizione giorno 12)

  • Colazione: 1 grande carota grattugiata con succo di limone
  • Cena: pesce magro (circa 300 g) condito con succo di limone ed erbe aromatiche (ad es. basilico) cotto al vapore o fritto senza grassi
  • Cena: bistecca, qualche foglia di lattuga, qualche testa di broccolo bollito

Giorno 6 (menu ripetizione giorno 13)

  • Prima colazione: una tazza di caffè nero con zolletta di zucchero, 1 toast da una fetta di pane (preferibilmente integrale)
  • Cena: petto di pollo in umido, diverse foglie di lattuga con 1 cucchiaio di olio e succo di limone
  • Cena: 2 uova sode, 1 grossa carota grattugiata

Giorno 7

  • Prima colazione: tè
  • Cena: petto di pollo alla griglia o stufato, frutta selezionata
  • Cena: niente

Per evitare carenze di nutrienti, possiamo utilizzare integratori vitaminici in parallelo con la nostra dieta. Per molte persone che seguono la dieta di Copenhagen, gli integratori speciali per la perdita di peso sono l’opzione ottimale, composti in modo da sopprimere l’appetito, aumentare la sensazione di sazietà, e allo stesso tempo, grazie ai preziosi estratti vegetali, forniscono importanti vitamine e macro e microelementi per il nostro corpo.

Controlla: Classifica delle pillole dimagranti

Dieta di Copenhagen: alimenti – sostituti

Molti dilettanti della dieta di Copenhagen sono alla ricerca di modi per rompere la sua monotonia, ma questo non è facile a causa della piccola gamma di prodotti consentiti e delle rigide raccomandazioni sulla forma del menu. Certo, è possibile introdurre una certa varietà e creare una versione originale della dieta di Copenhagen, ma vale la pena ricordare che i nostri sostituti hanno un valore nutrizionale simile (ad esempio, quantità paragonabili di grassi, proteine e carboidrati, vitamine, minerali) e un contenuto calorico simile a quello dei prodotti autentici.

Diciamo che al posto di spinaci e broccoli possiamo usare cavolo, asparagi, melanzane, zucchine, zucchine, e al posto del tradizionale prosciutto di maiale, pollo o tacchino o controfiletto. È possibile aggiungere varietà alle carote grattugiate con sedano, prezzemolo o cavolo rapa.

Per quanto riguarda la frutta, la dieta di Copenhagen offre libertà, quindi possiamo utilizzare ogni volta prodotti diversi da questa categoria per rompere la routine culinaria. Per quanto riguarda i frequentatori abituali del menu, ovvero le uova, sarà difficile trovare un sostituto decente. Essi costituiscono la spina dorsale della dieta e forniscono una porzione sostanziale di proteine e altre importanti sostanze nutritive. Quindi non vale la pena rinunciarvi, ma potete preparare le classiche uova sode in modo diverso: fatene un impasto (con un po’ di olio o yogurt ed erbe aromatiche, ad esempio erba cipollina, aneto, basilico) e servitele su una foglia di lattuga o preparate un’insalata con pomodoro o cetriolo verde. Alcune uova sode sono anche sostituite da uova in maglietta.

Un grosso problema per molte persone è anche la carne di manzo che appare spesso sul menu. Non piace a tutti, non tutti hanno facile accesso a lei. Puoi sostituire la bistecca con qualcos’altro? Da un lato, non dovremmo usare sostituti, perché mangiando tale bistecca di manzo, forniamo al corpo un sacco di proteine sane, un sacco di ferro e alcune altre importanti sostanze nutritive, difendendoci così contro le loro carenze e il deterioramento della salute.

D’altra parte, una grande bistecca di petto di pollo o di tacchino fornisce anche una porzione sostanziale di proteine, minerali e vitamine. Anche se il petto di pollo o di tacchino contiene un po’ meno ferro rispetto alla carne di manzo, possiamo compensare questo sconto mangiando molte verdure verdi, ad esempio prezzemolo, cavolo, botwinka, foglie di spinaci freschi. Sono di piccole dimensioni e molto ricchi di sostanze nutritive.

Riassumendo, una dieta di Copenhagen con pollo o tacchino al posto della carne di manzo può funzionare, ma vale la pena di ricordare porzioni di carne abbastanza grandi (circa 200-250 g per 1 bistecca) e mangiare ricche di bioelementi a foglia di verdura allo stesso tempo.

Dieta di Copenhagen – effetti

La dieta di Copenhagen di solito attira le persone che sono determinate a perdere peso e coloro che non amano aspettare settimane per gli effetti, ma preferiscono osservare i cambiamenti nel corpo quasi immediatamente. Questa dieta può dar loro questo, ma durerà? E’ una questione a parte. La maggior parte delle persone che riescono a completare la loro dieta registra una perdita di peso di circa 5-10 kg. A volte è possibile perdere ancora più peso, circa 12-15 kg, ma questo riguarda soprattutto persone con livelli di sovrappeso molto elevati.

La perdita di peso significativa è il risultato di tagli radicali di carboidrati nella dieta, eliminazione del sale, cibo malsano che interferisce con il metabolismo e una diminuzione generale del contenuto calorico. I pasti cominciano improvvisamente a fornirci più della metà dell’energia, così il nostro corpo comincia a raggiungere le riserve di grasso. Tuttavia, non è il grasso, ma l’acqua che fuoriesce più rapidamente dal nostro corpo. Sbarazzandosi dell’acqua sottocutanea accumulata, perdiamo peso in modo intensivo, che può essere interpretato erroneamente da noi come una diminuzione dei livelli di tessuto adiposo. Purtroppo, una riduzione completa del tessuto adiposo richiede più effetti a lungo termine rispetto a una dieta radicale di due settimane.

In breve, alla fine della dieta di Copenhagen saremo più leggeri di qualche o una dozzina di chili, con una percentuale significativa di perdita di acqua e meno grassi. Un’altra cosa degna di nota è che in molti casi gli effetti della dieta di Copenhagen purtroppo non sono duraturi. Dopo un digiuno così severo, il corpo richiede cibo, e poi inizia rapidamente ad accumulare di nuovo acqua e riserve di grasso, il che si traduce in un aumento di peso, che spesso diventa ancora più alto di prima della dieta.

Dieta di Copenaghen – pro e contro

Indubbiamente, la dieta di Copenhagen non è una dieta su cui tutti deciderebbero. Si tratta di una dieta che è molto più stressante e più difficile da passare rispetto ad altri piani di perdita di peso, come la dieta di pomodoro, la dieta 1500 kcal, la dieta di farina d’avena o la dieta South Beach. Tuttavia, ha alcuni vantaggi che lo rendono ancora molto popolare.

I vantaggi della dieta di Copenhagen:

  • E’ breve, solo 13 giorni.
  • Porta ad una rapida perdita di peso.
  • È facile, non richiede la preparazione di piatti di fantasia.
  • Non richiede un grande esborso finanziario.
  • Aiuta a liberarsi dell’acqua sottocutanea.
  • Porta alla contrazione dello stomaco, contribuendo così a ridurre la quantità di cibo consumato.

Difetti della dieta di Copenhagen:

  • Impone un taglio troppo radicale delle calorie (600 o 800 kcal al giorno non sono sufficienti per il corretto funzionamento del nostro corpo).
  • Il piano alimentare manca di una colazione decente. La colazione è, dopo tutto, un pasto di base che dovrebbe dare una sensazione di sazietà, fornire energia per un lungo periodo di tempo, e “stimolare” il metabolismo per l’intera giornata (nella dieta di Copenhagen, la maggior parte dei giorni per la colazione si beve solo caffè con lo zucchero, che, sì, dà una certa quantità di energia, ma per un breve periodo di tempo).
  • È molto monotono. Pasti ancora ripetuti e non molto variegati possono causare scoraggiamento.
  • Non dà un senso di sazietà, ci fa venire ancora fame.
  • Contiene troppo poche vitamine, minerali, porta a carenze nutrizionali.
  • Può portare ad un metabolismo più lento.
  • Ci fa sentire peggio, ci fa sentire apatici, costantemente stanchi.
  • Causa problemi di concentrazione, influisce negativamente sulle funzioni cerebrali (per i colletti bianchi può essere un grosso problema).
  • Durante la sua durata si deve rinunciare allo sport e ad altre forme di attività più intense.
  • Può causare la perdita di tessuto muscolare.
  • Causa una serie di disturbi come: mal di testa, vertigini, debolezza, perdita di capelli, deterioramento della condizione della pelle.
  • Non è una dieta per tutti, è solo per persone con una salute impeccabile, non è adatta a persone troppo giovani e anziane.
  • Spesso è seguito da un effetto yoyo.

Dieta di Copenaghen – opinioni

Quello che certamente non troviamo tra le opinioni sulla dieta di Copenhagen è il grido unanime del suo successo o meno. Quanti voti a favore, quanti contro. I sostenitori di questa dieta sottolineano che sì, bisogna impegnarsi un po’, fare molti sacrifici e affrontare i cali di energia e il deterioramento dell’umore, ma gli effetti sotto forma di 5, 7 o anche 10 kg valgono meno.

E gli oppositori della dieta di Copenhagen sono del parere che non valga la pena di finanziare un tale onere per il corpo e di rischiare complicazioni sanitarie, dal momento che ci sono tante forme molto più accessibili e più semplici di perdita di peso disponibili, che, pur richiedendo più tempo, danno effetti più duraturi.

Dieta di Copenaghen – regolamenti

C’è una grande semplicità culinaria nella dieta di Copenhagen, come confermano le seguenti ricette:

L’ambra nella dieta di Copenhagen – ricetta per un piatto base nel menu

Gli ingredienti:

  • un pezzo di circa 200 g di carne magra
  • succo di limone
  • timo, origano
  • pepe nero macinato
  • 1 cucchiaio di olio

Preparazione:

Romperemo leggermente la bistecca di manzo con un martello. Sfreghiamo con erbe, pepe e succo di limone. Rimandiamo di qualche minuto. Mettere la carne su una padella calda unta d’olio. Stiamo friggendo su ogni lato da circa 5 minuti.

Una semplice ricetta per gli spinaci nella dieta di Copenhagen

Gli ingredienti:

  • mezza confezione di spinaci surgelati o qualche grossa manciata di spinaci freschi
  • succo di limone
  • timo
  • dente d’aglio

Preparazione:

Versare una piccola quantità d’acqua in una casseruola, gettare gli spinaci, far bollire a fuoco lento per qualche minuto. Condite con succo di limone, timo, aglio spremuto in un torchio, mescolate, stufate per un po’. Per la varietà possiamo aggiungere erba cipollina, aneto o pomodori a pezzetti.

CATEGORIE:Salute

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *