Fuleren C60 – una meravigliosa molecola di carbonio con proprietà straordinarie

Fuleren Il C60 è un insolito composto di carbonio. Sorprendente effetto stellare esperienza

L’inizio della scoperta fu dato dallo scienziato inglese Harold Kroto, che, studiando le stelle estinte con il metodo spettroscopico, notò una banda spettrale unica, caratteristica dei composti del carbonio. Quasi contemporaneamente, composti chimici insoliti sono stati incontrati da scienziati guidati da Richard Smalley dell’Università di Houston. Insieme formarono una squadra che presto scoprì l’esistenza di una sostanza, poi chiamata fullerenes.

Inizialmente, l’importanza della scoperta è stata sottovalutata, poiché sembrava che si trattasse di un’altra curiosità scientifica. Con il tempo, tuttavia, si è scoperto che queste particelle, specialmente Fuleren C60, hanno una serie di applicazioni pratiche.

Queste varietà di carbonio allotropo sono molecole costituite da un numero pari di atomi di carbonio, da 28 a 1500, che formano una struttura a gabbia vuota all’interno. La più semplice molecola di fullerene consiste di 60 atomi di carbonio e ha la forma di un pallone da calcio. Si trova in meteoriti, spazi interstellari e nebulose rimaste da stelle estinte, e sulla terra in piccole quantità in alcune rocce e in una cavità del camino. Presto è stato sviluppato anche il metodo per ottenere i fullereni attraverso un complicato processo di combustione e separazione delle singole cultivar.

Fuleren C60 – proprietà e applicazioni in medicina

Le proprietà chimiche dei fullereni sono simili a quelle degli idrocarburi aromatici, ma il loro grande vantaggio, soprattutto nel contesto dell’uso medico, è il fatto che sono ottimi antiossidanti. Non c’è da stupirsi se questo potenziale suscita grande interesse e la presunta capacità di assorbire e disattivare i radicali liberi è diventata oggetto di numerosi studi clinici ed esperimenti.

Hanno mostrato eccezionali proprietà antiossidanti dei fullereni, così come la loro utilità come portatori di farmaci. Sta diventando sempre più audace sviluppare un sistema di somministrazione dei farmaci in cui una sostanza terapeutica o diagnostica viene inserita all’interno del C60 e circola liberamente in tutto il corpo.

Gli studi sui ratti hanno confermato al di là di ogni dubbio che la sopravvivenza degli animali trattati con fullerene è quasi il doppio di quella del gruppo di controllo in una dieta normale. Ciò è probabilmente dovuto al fatto che l’Fuleren C60 rallenta la morte cellulare ed è estremamente efficace nel ridurre lo stress ossidativo, che è una delle principali cause dell’invecchiamento.

L’efficacia di C60 nella rimozione dei radicali liberi deriva dal fatto che la molecola ha una struttura grande e stabile, che è formata da doppi legami di atomi di carbonio, grazie ai quali è facile legarsi con altri atomi, compresi gli atomi di ossigeno libero, cioè i radicali liberi.

Si stima che fino a 34 radicali possono unirsi ad una singola molecola Fuleren C60. Così, il C60, mentre viaggia attraverso il corpo, assorbe una certa quantità di atomi di ossigeno libero, ripristinando il naturale equilibrio tra questi e gli antiossidanti.

Con cosa è lo stress ossidativo e quali sono le sue conseguenze per la salute?

L’ossigeno e i nutrienti, che sono una fonte di energia, sono essenziali per la vita dell’organismo. I processi di respirazione e metabolismo sono accompagnati dalla formazione di particelle molto attive come i radicali dell’ossigeno.

Si chiamano radicali liberi perché sono atomi di ossigeno privi di un elettrone e che intercettano l’elettrone mancante da altri atomi, da proteine, grassi, carboidrati, acidi nucleici. Questo a sua volta può portare alla distruzione delle strutture proteiche, al danneggiamento delle membrane cellulari, e persino all’DNA e alle mutazioni geniche. E’ grazie all’azione dei radicali liberi che i vasi sanguigni, l’aterosclerosi, l’alto livello di colesterolo, l’ipertensione, il diabete, il cancro e altre malattie vengono distrutti.

I radicali liberi sono una parte naturale del corpo e finché c’è un equilibrio tra loro e gli antiossidanti, non succede niente di male. Il corpo umano ha un sistema di proteine, enzimi, proteine, microelementi che catturano atomi di ossigeno attivo – sono chiamati antiossidanti o antiossidanti. Inoltre, i radicali liberi sono essenziali per la vita, anche perché sono la base per il funzionamento del sistema immunitario.

Tuttavia, la mancanza di un equilibrio naturale tra gli effetti dei radicali dell’ossigeno e la capacità biologica di rimuoverli o riparare le perdite subite, causa stress ossidativo, e l’elenco dei danni causati dall’invasione di specie di ossigeno reattivo è lungo.

Lo stress ossidativo è uno dei principali fattori di invecchiamento e gioca un ruolo di primo piano nello sviluppo di malattie come le malattie cardiovascolari, disturbi neurologici, cambiamenti degenerativi, cancro, infiammazioni, diabete, asma, problemi digestivi, artrite reumatoide e persino cataratta. Inoltre, molti medici ritengono che lo stress ossidativo sia la causa della sclerosi e del morbo di Parkinson.

Come per minimizzare l’impatto negativo dei radicali liberi?

Dobbiamo essere consapevoli che la stessa presenza di atomi di ossigeno reattivi è ovvia e neutra per la salute, a meno che non compaiano in troppi numeri. Nel frattempo, noi stessi, conducendo uno stile di vita inappropriato, contribuiamo alla loro formazione in eccesso, mentre allo stesso tempo non forniamo abbastanza antiossidanti. In questo modo, promuoviamo il disturbo dell’equilibrio naturale e l’insorgenza di stress ossidativo.

Le cause principali dell’eccesso di radicali liberi sono

  • fumare sigarette – le sostanze contenute nella nicotina e nel fumo di sigaretta contengono molti radicali liberi e riducono significativamente il livello di antiossidanti nel sangue;
  • aria inquinata, analogamente alla combustione delle sigarette;
  • Lo stress continuo – può contribuire allo sviluppo di molte malattie pericolose;
  • consumo eccessivo di alcol;
  • l’esposizione prolungata al sole, cioè l’esposizione ai raggi UV;
  • una dieta anomala, ricca di prodotti trasformati, priva di antiossidanti naturali;
  • allenamento troppo faticoso – causare una significativa accelerazione del metabolismo e, di conseguenza, un aumento della produzione di radicali liberi.

La risposta a questi rischi è fornire all’organismo una quantità adeguata di antiossidanti, sia attraverso uno stile di vita sano, sia attraverso l’integrazione di sostanze appropriate. Un ruolo molto importante è svolto da una corretta alimentazione, ricca di vitamine C, E, beta-carotene o licopene – uno dei più forti, accanto alla vitamina C, antiossidanti.

Il menu dovrebbe quindi basarsi su frutta e verdura fresca – carote, prezzemolo verde, cavoletti di Bruxelles, pomodori, ribes nero, spinaci, broccoli, more, angurie, cereali integrali, pesce, latte e prodotti lattiero-caseari, germogli, semi e noci. Anche il tè, il vino rosso (in piccole quantità) e il cacao saranno d’aiuto. Altrettanto importante è un’attività fisica moderata ma sistematica, l’assenza di stimolanti, la capacità di sciogliere le tensioni e il frequente riposo.

Fuleren C60 – proprietà pro-salute e importanza per l’organismo nel il processo di lotta contro i radicali liberi

È noto che la vitamina C è un potente antiossidante. Molte persone saranno sorprese nell’apprendere che l’Fuleren C60 ha proprietà antiossidanti molto maggiori rispetto all’Fuleren C60.

Anche se non si tratta di una particella pienamente studiata, e tra alcuni ricercatori ci sono alcuni dubbi sul fatto che l’integrazione sistematica, ad esempio, non provochi una rottura della struttura dell’DNA, i numerosi studi clinici condotti finora sembrano confermare l’effetto di alleviamento dello stress ossidativo. Non solo gli esperimenti sugli animali, ma anche l’assorbimento di C60 da parte dei volontari hanno dato risultati promettenti. Hanno trovato miglioramenti significativi nella salute e nel benessere, una rigenerazione muscolare più veloce dopo l’esercizio fisico e anche un aspetto più giovane.

Le più interessanti sono le possibilità del fullerene in termini di inibizione del processo di invecchiamento. E anche se gli scienziati continuano ad analizzare questa molecola di carbonio in termini di potenziale pro-health, la sua scoperta e il suo potenziale è un passo avanti per la medicina e, di conseguenza, per la nostra salute e una vita più lunga. Anche se ci vuole molto tempo perché la C60 sia pienamente convalidata e il prodotto entri sul mercato, vale la pena aspettare con la prospettiva di un invecchiamento e di una vita più sana e più lunga.

Tuttavia, si può già confermare con certezza che il fullerene blocca lo sviluppo di virus e combatte l’infiammazione e ha anche un effetto distruttivo sulle cellule cancerogene danneggiando i loro aminoacidi. Sostiene anche il trattamento delle lesioni ortopediche e, secondo alcuni medici, migliora le malattie infiammatorie croniche – malattia Crohn, sclerosi multipla, sindrome dell’intestino irritabile e fuoriuscente.

C’è da sperare che la capacità dell’Fuleren C60 di resistere allo stress ossidativo venga definitivamente confermata e che il composto sia ampiamente disponibile come integratore sanitario universalmente benefico.

Incontrare anche: Olio CBD

CATEGORIE:Salute

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *