Luppolina e coni di luppolo – inestimabili per nervosismo, stress, sonno

Di solito associamo il luppolo alla birra. E’ grazie ad esso che la bevanda dorata è dotata di un caratteristico gusto e aroma amaro. Tuttavia, questa pianta ha anche altri usi industriali, tra cui viene impiegata nell’industria erboristica, farmaceutica e cosmetica. Particolarmente degne di nota sono le proprietà sedative e calmanti del luppolo e della luppolina contenuta in esso.

Coni di luppolo – il tesoro della luppolina

Il luppolo è una pianta rampicante perenne che probabilmente è giunta in Europa dall’Asia. Attualmente è coltivato su larga scala in quasi tutti gli angoli del globo, compresa l’Italia. Fiorisce in luglio, agosto e settembre. I frutt si presentano sotto forma di coni verde chiaro, che diventano bruno-giallastri man mano che crescono. Sulla membrana dei coni ci sono ghiandole di secrezione pelose giallo-rosse chiamati luppolina.

La materia prima ottenuta dal luppolo è costituita sia dai coni interi che dalla luppolina stessa, che viene separata dai frutti dopo la raccolta e l’essiccazione. La luppolina trittata si presenta sotto forma di una polvere viscosa, di colore giallo-arancio o giallo-verdastro, dall’aroma intenso e dal sapore amaro.

I coni di luppolo contengono un’ampia gamma di sostanze preziose, tra cui gli oli essenziali (mircene, farnesene, humulene), flavonoidi, composti di resina, triterpeni, tannini, colina, composti di ammine e purine. La sola luppolina contiene fino al 50% di composti di resina, fino al 25% di sostanze cerose, fino al 6% di oli essenziali. Contiene anche una certa quantità di composti proteici e grassi.

Il luppolo è ampiamente utilizzato nell’industria della birra, ma questa preziosa materia prima viene impiegata anche in altri campi. Gli steli di luppolo sono utilizzati nell’industria tessile e del vimini. I coni di luppolo essicati vengono utilizzati in erboristeria, la luppolina si trova nei prodotti farmaceutici, estratti di luppolo sono utilizzati in campo cosmetico, nei balsami, creme, shampoo. Per quanto riguarda i cosmetici, è opportuno ricordare che i coni di luppolo sono utilizzati anche nei prodotti domestici, nei tonici, i detergenti e le maschere. Sono utilizzati per i problemi della pelle come lenitivi, disinfettanti e antibatterici.

Proprieta’ dei coni di luppolo e luppolina

I coni di luppolo e la luppolina, che ne fa parte, hanno un effetto sulla corteccia cerebrale, ostacolando la sua funzione. Cosi avviene il loro effetto calmante, eliminando la tensione nervosa e riducendo l’eccessiva eccitazione sessuale. I frutti di luppolo e la luppolina contenutavi sono anche un’arma forte e naturale contro i disturbi del sonno.

Grazie alle proprietà rilassanti e calmanti, aiutano a raggiungere uno stato di serenità interiore, facilitano l’addormentamento e sostengono un sonno profondo e sano. A questo proposito, i coni di luppolo hanno un effetto simile a quello delle erbe come la melissa, valeriana, passiflora incarnata o angelica, cosicché queste materie prime vengono spesso combinate in preparati dalle proprieta’ sedative e sonnifere.

Coni di luppolo e luppolina saranno sicuramente un valido supporto per noi in stati di nervosismo, ansia, esaurimento nervoso, stress, così come insonnia e difficolta’ a dormire. Tuttavia, vale anche la pena di menzionare le altre proprietà preziose, come l’effetto positivo sulla digestione.

I frutti del luppolo stimolano la produzione del succo gastrico migliorando il processo digestivo, regolano la flora batterica intestinale (prevenendo l’eccessiva fermentazione) e riducono al minimo i disturbi gastrointestinali come eruttazione, crampi, dolori di stomaco, flatulenza. I coni di luppolo hanno anche un effetto diuretico e leggermente estrogeno. Degne di nota sono anche le proprietà batteriostatiche, battericide, antinfiammatorie e antisettiche del luppolo.

Coni di luppolo e luppolina – come assumere?

I coni di luppolo possono essere acquistati in erboristerie e farmacie sotto forma di estratto secco. Versare un bicchiere d’acqua bollente su 1 cucchiaio da tavola di erba e lasciare al coperto per 10 minuti. Bere l’infuso 2-3 volte al giorno.

Possiamo anche combinare i coni di luppolo con la radice di valeriana. Versare circa 2 tazze di acqua bollente su 1 cucchiaio di coni di luppolo e 1 cucchiaio di radice di valeriana, cuocere per circa 5 minuti a fuoco basso, scolare e bere 2 volte al giorno.

Gli estratti pronti dei coni di luppolo possiamo trovare nei sciroppi, gocce, liquidi orali e compresse che favoriscono la pace interiore e rilassamento e riducono i problemi di sonno (Nervosol, Valused, Kalms, Positivum e altri). In alcuni prodotti troveremo composizioni più complesse, dove accanto ai estratto dei coni di luppolo e altri estratti di erbe, possiamo trovare anche il cosiddetto ormone del sonno, cioè la melatonina, gli aminoacidi – L-triptofano e L-teanina, così come le vitamine e sostanze adattogene (Melatolin Plus).

CATEGORIE:Salute

3 comments

  1. Luppolo è unico nel suo genere, per l’effetto calmante e sedativo. Da qualche anno mi preparo i coni di luppolo non appena mi innervosisco a casa o al lavoro. Questo mi aiuta sempre. Il fastidio e la tensione scompare, mi travolge una leggera sonnolenza e calma. In più, il luppolo mi aiuta anche con la depressione, in qualche modo i pensieri negativi e pessimismo vanno nel dimenticatoio 😉

  2. Afrodyta, sicuramente hanno funzione simile. Alcune, soprattutto quelle arricchite con melatonina, regolano anche l’orologio biologico e migliorano il benessere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *