Malattie della tiroide – ipotiroidismo, ipertiroidismo, noduli, malattie rare

Problemi con la tiroide riguardano un gruppo relativamente ampio di persone, per lo più le donne. Indipendentemente dalla causa, le malattie della tiroide di solito presentano sintomi piuttosto caratteristici, anche se non sempre associati a questo organo. Una corretta diagnosi e trattamento adeguato sono importanti perché un malfunzionamento della tiroide ha un impatto sul funzionamento di tutto l’organismo. Le malattie tiroidee più comuni sono: ipotiroidismo, ipertiroidismo, infiammazione e tumori.

Ipotiroidismo

L’ipotiroidismo è una malattia ormonale, la ghiandola tiroidea produce una quantita’ insufficiente di ormoni, il che provoca disturbi del metabolismo, un aumento del colesterolo, disturbi del cuore, del sistema circolatorio e del sistema nervoso, oltre ad una serie di altri disturbi. La sua fonte può essere la malattia di Hashimoto, fattori esterni o danni alla tiroide. L’ipotiroidismo non trattato può essere molto pericoloso, perché aumenta il rischio di diabete, aterosclerosi, insufficienza circolatoria.

Dovremmo preoccuparci di manifestazioni come:

  • problemi di memoria, problemi di concentrazione, mal di testa;
  • stanchezza, sonnolenza, apatia;
  • sensazione di freddo senza alcuna giustificazione esterna;
  • secchezza della pelle e dei capelli;
  • comparsa di gonfiore al viso e al collo;
  • debolezza, rigidità, dolori muscolari e articolari;
  • aumento ingiustificato del peso.

Il manifestarsi di almeno alcuni dei sintomi di cui sopra dovrebbe essere un segnale d’allarme e indurre a visitare il medico, perché l’ipotiroidismo non trattato può avere conseguenze negative per tutto l’organismo.

Ipertiroidismo

È una delle malattie endocrine più comuni che colpisce circa il 2% della popolazione adulta. Colpisce soprattutto le donne. La base può essere la malattia di Graves-Basedow, cambiamenti patologici nella ghiandola, noduli, e si tratta dell’eccessiva produzione ormonale dalla ghiandola tiroidea. L’ipotiroidismo è più difficile da curare rispetto all’ipotiroidismo, e più comunemente utilizzati sono il trattamento allo iodio e il trattamento chirurgico.

L’ipertiroidismo presenta sintomi molto caratteristici, vale a dire:

  • requenza cardiaca accelerata, palpitazioni;
  • stimolazione nervosa e psicomotoria che si manifesta tra l’altro con tremori delle mani, irritabilità, ansia, instabilità emotiva;
  • intolleranza al caldo, eccessiva sudorazione;
  • debolezza muscolare;
  • oftalmopatia tiroidea, gonfiore e arrossamento delle palpebre, a volte disturbi della vista;
  • disturbi digestivi, diarrea frequente;
  • perdita di peso ingiustificata.

L’ipertiroidismo può portare a gravi problemi di salute, come malattie cardiovascolari o disturbi del ciclo riproduttivo nelle donne, che possono portare a difficoltà di fertilita’.

Infiammazione tiroidea – tiroidite di Hashimoto e malattia di Graves-Basedow

La maggior parte delle infiammazioni della tiroide si basano su disturbi autoimmuni, derivanti dal fatto che il sistema immunitario attacca le proprie cellule dell’organismo, portando a variazioni infiammatorie in vari organi. A volte sono considerate malattie di origine psicosomatica (soprattutto la malattia di Basedow), dove lo stress è spesso il fattore di attivazione.

In riferimento alla tiroide, le infiammazioni autoimmuni più comuni sono: la tiroidite di Hashimoto, che di solito causa l’ipotiroidismo e la malattia di Graves-Basedow, che di solito causa l’ipotiroidismo.

L’infiammazione linfocitaria della tiroide, comunemente chiamata tiroidite di Hashimoto, può manifestarsi in vari modi e può anche non dare alcun sintomo nella fase iniziale. Infatti, i suoi sintomi, cosi come il trattamento, sono caratteristici dell’ipotiroidismo. Debolezza e stanchezza, la costante sensazione di freddo, apatia e depressione, problemi di concentrazione, capelli secchi e fragili, pelle pallida e secca, aumento di peso sono sintomi tipici dell’ipotiroidismo.

In questo caso, oltre a possibili trattamenti farmacologici o integrazione di preparati a supporto della funzione tiroidea, un ruolo importante è svolto da uno stile di vita sano e da una dieta corretta – fattori terapeutici e profilattici.

Leggi: Dieta con ipotiroidismo

Mentre la tiroidite di Hashimoto a volte non si evolve, o addirittura ci sono dei casi di remissioni, la malattia di Graves-Basedow è caratterizzata da un andamento ripetitivo, con periodi di peggioramento. E’ dominata dai sintomi tipici dell’ipertiroidismo: sensazione di calore continua, battito accelerato, ansia e nervosismo, agitazione, perdita di peso nonostante la diminiuzione dell’appetito, oftalmopatia tiroidea, gozzo vascolare. A volte questa malattia è accompagnata da altre malattie autoimmuni, come l’artrite reumatoide o la leucemia, così come la vitiligine e l’alopecia.

Cancro alla tiroide

È il più comune tumore maligno delle ghiandole di secrezione interna, rappresenta circa l’1% di tutti i tumori maligni che colpiscono l’uomo. I sintomi del cancro alla tiroide sono solitamente non specifici e quindi talvolta difficili da distinguere dai sintomi di altre malattie della tiroide. Ciò che dovrebbe attirare la nostra attenzione è certamente ingrandimento dei linfonodi, nodulo percettibile, gozzo a crescita rapida, disturbi con diglutire, dispnea, raucedine prolungata.

Il cancro alla tiroide è di solito una neoplasia papillare. È caratterizzato da una crescita lenta e promette generalmente una buona ripresa. D’altra parte, il carcinoma midollare della tiroide, che rappresenta circa il 25% di tutti i casi, è una neoplasia altamente maligna, nonché un raro tipo di carcinoma tiroideo altamente cellulare.

Malattie tiroidee – trattamento e prevenzione

Per diagnosticare le malattie della tiroide, vengono effettuati test per verificare la presenza e la concentrazione di ormoni. L’endocrinologo può anche ordinare esami di immagini – ecografia, raggi X, tomografia, risonanza magnetica e, in alcuni casi, biopsia.

In caso di tumore accompagnato da un nodulo diagnosticato come maligno o potenzialmente maligno, si ricorre a un trattamento chirurgico. L’intervento chirurgico comporta l’asportazione completa della tiroide o di una sua parte. Il trattamento aggiuntivo in alcune forme di cancro comporta la somministrazione di isotopo di iodio, in altre di tiroxina. Anche la radioterapia è utilizzata in piccola parte dei casi e in condizioni piuttosto avanzate. L’intervento viene eseguito anche in caso di altre malattie della tiroide, se un grosso gozzo comprime la trachea causando difficoltà di respirazione e deglutizione.

Il trattamento dell’infiammazione tiroidea si concentra sull’eliminazione dei cambiamenti causati dalle loro conseguenze – ipotiroidismo o ipertiroidismo. Così, il trattamento dell’ipotiroidismo consiste nella somministrazione di ormoni al fine di bilanciare il loro livello, a volte la somministrazione di iodio, se la sua assenza è la causa della malattia. A sua volta, il trattamento dell’ipertiroidismo si basa sulla somministrazione di farmaci che inibiscono la produzione di ormoni, a volte iodio e interventi chirurgici.

Proteggere la salute di tutto l’organismo significa anche prendersi cura della salute della tiroide. Vale la pena prendersi cura di una corretta alimentazione, fare esercizio fisico regolare, stare molto all’aria aperta, inoltre, ci si può aiutare con gli integratori. Uno di questi, che supporta completamente il lavoro della tiroide, è Thyrolin, che include sostanze vegetali, vitamine e minerali noti per le loro proprietà benetiche.

Rate this post

CATEGORIE:Salute

2 comments

  1. Da un po’ che non mi sento bene, ho variazioni d’umore, sono apatica e depressa senza un motivo, in piu’ sono ingrassata all’improvviso, la pelle e’ diventata brutta… tutto fa pensare all’ipotiroidismo. Mi sono informata un po’ e al solo pensiero di assumere gli ormoni fino alla fine dei miei giorni, non mi e’ parso molto ottimistico. C’e’ qualcuno qui con il problema d’ipotiroidismo, che riesce a farcela senza assumere gli ormoni ma combatte in modo naturale?

  2. Io soffro d’ipotiroidismo e non prendo gli ormoni e sono ancora viva. Diciamo che vivo pure bene 😀 Leggi sullo iodio, cerca di integrarlo regolarmente. Segui una dieta ideale per mantenere sana la tiroide, fai muovimento, evita lo stress…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *