Estratto di castagno per le vene varicose, per i ragni vascolari, per la circolazione, per la salute!

Castagne, salute!

Castagne

Contrariamente alle apparenze, questo magnifico e bellissimo albero, che fiorisce meravigliosamente in primavera e fruttifica in autunno per la gioia dei bambini con bellissime castagne brune, non è una pianta di anime polacche. Viene dalla Grecia e dall’Asia meridionale minore, e ci è giunta solo nel XVI secolo. La materia prima medicinale è costituita da diverse parti dell’albero – in primavera la corteccia viene raccolta dai giovani ramoscelli, all’inizio dell’estate raccoglie i suoi fiori e a luglio produce frutti immaturi, che hanno il maggior valore medicinale. A volte le foglie e i semi sono utilizzati anche in varie terapie naturali.

Estratto di castagno – proprietà medicinali

Le castagne, cioè le castagne, sono un vero e proprio tesoro di varie sostanze medicinali. La più pregiata è l’escina, una miscela di saponine, ovvero composti vegetali con eccellenti proprietà salutistiche. L’estratto di castagno contiene anche importanti flavonoidi, cumarina, tannini, glicosidi e altre sostanze attive.

Estratto di castagno per la circolazione

Castagne

L’estratto di castagno favorisce il funzionamento del sistema circolatorio. Sigilla, rafforza e rende più flessibili i vasi sanguigni, accelera il flusso sanguigno, lo diluisce e ne riduce la viscosità. Pertanto, è ampiamente usato come farmaco per gonfiore, infiammazioni, infiammazioni, vene varicose e altri disturbi cardiovascolari.

Unguento al castagno per vene di ragno e vene varicose delle gambe

L’escina e i flavonoidi, migliorando il flusso sanguigno, prevengono la stagnazione, che è la principale causa di vene di ragno sulle gambe e poi vene varicose. L’escina aumenta la tensione delle vene, prevenendone l’allungamento e la deformazione. Un ruolo importante nell’eliminazione delle vene di ragno è svolto dal rafforzamento delle pareti dei capillari, che consente il loro assorbimento e previene la formazione di ulteriori telangiectasie, cioè una rete di vasi sanguigni dilatati sotto la superficie cutanea. Tuttavia, va notato che lo stile di vita e l’attività fisica svolgono un ruolo importante anche nella questione dell’insufficienza venosa degli arti inferiori.

Estratto di castagno per vene varicose – recensioni dei consumatori

I commenti pubblicati sul web sembrano confermarne l’efficacia, ma soprattutto nella fase iniziale dei cambiamenti dovuti all’insufficienza venosa. Durante la terapia è stata osservata una visibile diminuzione del gonfiore e la sensazione di pesantezza delle gambe. Unguento o gel di castagno in un periodo più lungo riduce significativamente anche la visibilità dei ragni, che risulta da una migliore circolazione e dal rafforzamento dei vasi sanguigni. Va notato, tuttavia, che nelle vene varicose avanzate delle gambe, i preparati a base di castagno sono utilizzati solo per sostenere il trattamento farmacologico o chirurgico.

Estratto di castagno per gonfiore e infiammazioni

Effetti benefici sul sistema circolatorio si manifestano anche in proprietà antinfiammatorie, analgesiche e antinfiammatorie. Unguenti o impacchi da infusi di corteccia, fiori o frutta alleviano il gonfiore e i dolori reumatici e, grazie al rafforzamento dei vasi, impediscono la fuoriuscita di sangue dai vasi nei tessuti circostanti, prevenendo così ematomi e gonfiore.

Castagno per problemi gastrointestinali

Castagne

I frutti di castagno contengono tannini che, grazie alle loro proprietà antinfiammatorie, diastoliche e costrittive, vengono utilizzati in caso di gastrite, disturbi digestivi e persino di lieve avvelenamento. Le castagne sono state riconosciute dalla medicina popolare come cura per la diarrea a lungo termine, la dissenteria e persino la malaria.

Il castagno nell’industria cosmetica

In cosmetica, l’estratto di ippocastano viene utilizzato per produrre creme e maschere per la cura della pelle, in particolare per i capillari. Le sostanze attive contenute nell’estratto migliorano il tono della pelle, leniscono le irritazioni, rinforzano i vasi sanguigni, hanno un effetto anti-età.

Estratto di castagno – come si usa

A seconda del tipo di terapia, sono disponibili unguenti e gel contenenti estratto di frutta per uso esterno, tè da foglie secche o estratto di castagno in compresse o capsule per uso interno. Un esempio è il popolare integratore alimentare Varicorin, una preparazione orale multi-componente per le persone che si lamentano delle vene varicose. La presenza di estratto di castagno, tra le altre cose, fa sì che migliori il funzionamento del sistema circolatorio, riducendo le vene del ragno e le vene varicose e ripristinando le capacità motorie.

Il castagno in cucina

Anche se le famose castagne arrostite provengono da una particolare varietà di castagno commestibile, alcune parti dell’albero comune sono adatte anche per la produzione di vini medicinali e nalewka, e le foglie di tè essiccate, che si dice abbiano proprietà antitosse.

Estratto di castagno da bere, cioè nalewka per reumatismi, articolazioni, emorroidi e problemi di stomaco – ricetta

Ingredienti:
  • qualche castagna matura
  • mezzo bicchiere di fiori di castagno secchi
  • 0,5 litri di vodka
Esecuzione:

Tritare finemente le castagne, sbriciolare a secco, mettere il tutto in un grande vaso, versare la vodka, mettere da parte per due settimane. Agitare ogni pochi giorni in modo che il tutto si amalgami bene. Dopo due settimane, filtrare attraverso la garza e conservare la tintura in un luogo buio e fresco.

Guarda anche tu: Amamelide per vene varicose

CATEGORIE:Salute

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *