Immunita’ ridotta – cause, sintomi, prevenzione

Ogni organismo è dotato di un sistema immunitario, che gli permette di sopravvivere in un ambiente pieno di batteri, virus e altri microrganismi nocivi. A volte, tuttavia, quando questo sistema non funziona correttamente, si parla di immunità ridotta o, in situazioni estreme, della immunodeficienza. Le ragioni della scarsa immunità naturale possono variare, a volte si verifica periodicamente, ad esempio in relazione al cosiddetto solstizio d’inverno. Fortunatamente, nella maggior parte dei casi possiamo rafforzare le nostre difese immunitarie con mezzi naturali o fatti in casa.

Quali sono le cause dei problemi immunitari?

Non tutti i microrganismi con i quali abbiamo a che fare durante la nostra vita sono dannosi per il nostro organismo. Alcuni di essi, come quelli che si trovano nella flora batterica intestinale o nella flora saprofitica presente sulla pelle, sono addirittura indispensabili per il corretto funzionamento di diversi organi. Per quanto riguarda gli agenti patogeni dannosi, essi incontrano vari blocchi che proteggono l’organismo. La prima barriera protettiva è costituita dalla pelle e dalle mucose. Tuttavia, il ruolo più importante per mantenere una immunità corretta è svolto dai singoli elementi del sistema immunitario.

I problemi legati alla scarsa funzione immunitaria possono essere congeniti o acquisiti. I difetti immunitari congeniti sono piuttosto rari e hanno una base genetica. Le anomalie acquisite sono il risultato di diverse cause, relativamente facili da diagnosticare.

In primo luogo, immunodeficienze periodiche possono derivare dall’uso di alcuni farmaci, soprattutto antibiotici, farmaci immunosoppressori e antitumorali e alcune terapie, ad esempio la radioterapia.

In secondo luogo, l’immunità può essere indebolita da malattie come il diabete o anche da comuni infezioni. Un caso particolare è la sindrome da immunodeficienza acquisita (AIDS) causata dall’infezione dal virus HIV.

Tuttavia, scarsa immunita’ dell’organismo è per lo più il risultato di negligenza, vale a dire un’alimentazione scorretta, mancanza di attività fisica, soprattutto all’aria aperta, stile di vita non igienico.

Quali fattori dipendenti da noi influenzano la scarsa funzione immunitaria?

Dieta è essenziale per il corretto funzionamento del sistema immunitario. L’eventuale carenza di sostanze nutritive necessarie all’organismo, soprattutto vitamine e minerali, lo rende meno resistente o completamente immune alle infezioni. Per questo motivo, nei trattamenti di rinforzamento del sistema immunitario sono spesso impiegate le vitamine.

Nel frattempo, alimenti altamente lavorati, così comuni al giorno d’oggi, sono poveri di ingredienti bioattivi, tra cui le vitamine e micro e macroelementi, grassi utili, batteri preziosi, fibre alimentari, antiossidanti. Queste sostanze vengono distrutte durante i processi di lavorazione e di conservazione. Al loro posto, vengono aggiunti coloranti e aromi artificiali, acidi grassi saturi, grandi quantità di sale e zucchero, conservanti, insaporitori, ecc. Inoltre, mangiamo troppo poca frutta e verdura, soprattutto quella cruda.

Il sistema immunitario non è influenzato solo dalla nostra condizione fisica, ma anche dalla nostra condizione mentale. Stress, fretta, mancanza di sonno, affaticamento, indeboliscono il sistema immunitario. È stato scientificamente provato che quando il livello di cortisolo, l’ormone dello stress, aumenta nel sangue, allo stesso tempo diminuisce il numero di leucociti e la produzione di anticorpi. In questo non aiuta nemmeno lo stile di vita sedentario e la mancanza di attività.

Un altro fattore che riduce l’immunità è l’abuso di alcol e altri stimolanti – sigarette, droghe, troppa caffeina. Distruggono le cellule immunitarie e alcune preziose sostanze nutritive. Infine, una immunità ridotta può essere il risultato di una mancanza di igiene, che ci espone a un maggiore contatto con gli agenti patogeni. Immunodeficienze transitorie si verificano anche in caso di uso inadeguato di antibiotici, senza supporto probiotico.

Come supportare l’organismo indebolito?

Mentre non abbiamo alcuna influenza sulle carenze congenite, l’immunità ridotta può essere rafforzata anche senza ricorrere ai farmaci. Si tratta di una questione importante perché, sebbene l’immunodeficienza possa essere temporanea e lieve, può anche trasformarsi in una malattia molto grave e pericolosa per la vita. I sintomi di una scarsa immunita’, come le frequenti infezioni delle vie respiratorie, l’aumento della predisposizione alle malattie, la stanchezza cronica, la mancanza di vitalità e l’affaticamento dovrebbero essere per noi un segnale preoccupante e un avvertimento.

Per quanto riguarda le deficienze transitorie, una dieta sana, equilibrata, ricca di vitamine e minerali contribuirà certamente a rafforzare l’immunità. In piu’ dovrebbe essere arricchita con verdure crude o al vapore, miele, agrumi e altri prodotti contenenti vitamine C, A e B6 e acidi Omega-3. Un ulteriore sostegno per l’organismo può anche essere un integratore alimentare per l’immunita’ correttamente composto. Tuttavia, dovrebbe essere limitato il consumo di carboidrati e di alimenti generalmente trasformati e gli stimolanti dovrebbero essere completamente evitati

Leggi di piu’ sulla dieta per aumentare le difese immunitarie

Uno stile di vita sano gioca un ruolo importante – regolare attività fisica, sonno regolare e riposo necessario, riduzione dei livelli di stress. Dobbiamo imparare a rilassarci, riposare e abbandonarci ai piaceri. Temperare il corpo, ad esempio alternando docce calde e fredde, contribuirà indubbiamente ad una migliore condizione psicofisica e a migliorare il funzionamento del sistema immunitario.

Vedi:
Come rinforzare l’organismo

Recensione capsule per l’immunita’ Cistus Plus

CATEGORIE:Salute

6 comments

  1. Fin dall’infanzia ho avuto immunodeficienza, penso che sia innata – succede raramente, ma puo’ capitare. Nella mia famiglia ci sono molti malati e allergici. Fino a dieci anni fa nella nostra casa di famiglia regnavano i modi casalinghi: aglio, spinaci, liquori segreti della nonna, succhi di carote/rapa/sedano, centrifugati di succhi di frutta, ecc. Oggi, però, uso prodotti pronti per aumentare le difese immunitarie, perché non ho tempo per prepararli. Ti diro’ che sono tantissimi e nella maggior parte dei casi sono davvero efficaci. E non solo pillole, ma anche vari succhi pronti come l’ortica o l’aloe vera, sciroppi pronti, miscele di erbe. C’è qualcosa tra cui scegliere.

  2. Vero, ce ne sono tanti, io stessa le ho provate tantissime. Infatti, con un uso regolare è possibile aumentare le difese immunitarie. Ma i preparati fatti in casa funzionano altrettanto bene. Appena sento che la mia immunità sta calando, vado al negozio a prendere qualche limone, latte e aglio e mi preparo una cura in modo da bere ogni giorno 2 bicchieri d’acqua con il succo del limone intero (o metà) e una tazza di latte con aglio e miele ogni giorno. Molto efficace.

  3. Diana49 pure io uso la cura della nonna con il latte, aglio e miele. In piu’ aggiungo un pezzo di burro. Questa preparazione mi mette in piedi quando mi sento debole oppure sono raffreddata.

  4. Per me, grandi quantità di vitamina C, preferibilmente nella loro forma naturale, hanno un effetto benefico sull’immunità scarsa. Mangio ribes, bacche, kiwi, agrumi, fragole, a seconda di cosa trovo nei negozi. Anche prezzemolo, rosa canina e mirtilli rossi – sono ricchi di vitamina C.

  5. Signora C come prepari/ tratti rosa canina? Si dà il caso che in mio giardino cresce un grande cespuglio di rosa canina. Ci sono un sacco di frutta, purtroppo non ho idee su come usarli, ovviamente per non perdere le vitamine

  6. @MargheS, anche io possiedo un cespuglio di rose canine in giardino e ogni anno ne sfrutto i benefici 😉 Per quanto riguarda la perdita di vitamine, basta non trattarla con acqua bollente, ma con acqua calda, quasi bollente. Alcune vitamine si perdono sicuramente, ma ancora molte rimarranno. Alcuni dei frutti raccolti vengono essiccati su un essiccatore, un essiccatore per funghi, e poi ne bevo la tisana (prima verso l’acqua calda). Dagli altri, preparo il succo – butto la rosa canina fresca in una casseruola, verso l’acqua, riscaldo per 15 minuti, in modo da evitare l’ebollizione. Raccolgo e imbottiglio il succo, verso una piccola quantità d’acqua sulla frutta rimanente, aggiungo acido citrico, riscaldo di nuovo per 15 minuti, aggiungo il tutto al succo precedentemente imbottigliato. Lo verso nei vasetti, pastorizzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *