Vene di ragno sulle gambe – il problema non è affatto banale (cause, sintomi e modi per combattere le vene vascolari).

Che cos’è l’insufficienza venosa? Meccanismo di formazione, sintomi, trattamento

La rottura dei vasi sulle gambe è sintomo di disturbi circolatori e spesso segno di future vene varicose, conseguenza dell’insufficienza venosa degli arti inferiori.

Il fattore che causa questa malattia è l’ipertensione nelle vene che porta ad un funzionamento anomalo delle valvole venose e il cosiddetto flusso inverso, dove il sangue, invece di scorrere liberamente, si allontana causando l’espansione delle vene. Le vene varicose delle gambe possono verificarsi anche come risultato di occlusione trombotica. Con il tempo aumentano i cambiamenti patologici, con il rischio di gonfiore, coaguli e blocchi.

Ci sono diversi fattori che aumentano il rischio di insufficienza venosa. In primo luogo, come è già stato detto, riguarda principalmente le donne e, in secondo luogo, la possibilità di esprimersi apertamente aumenta con l’età. Anche le condizioni genetiche, l’obesità, le gravidanze passate, la prolungata posizione eretta e seduta, i difetti di postura, la costipazione cronica, le terapie ormonali possono contribuire all’inefficienza.

L’insufficienza venosa degli arti inferiori si manifesta con vari sintomi fastidiosi di intensità a seconda della gravità della malattia. Questi includono la sensazione di pesantezza e dolore alle gambe, soprattutto dopo lunghi periodi di una posizione, spasmi notturni ai polpacci, sindrome delle gambe irrequiete, dolore lungo la vena dilatata, gonfiore e persino sanguinamento.

Sebbene la medicina moderna disponga di un insieme piuttosto ampio di metodi per il trattamento dell’insufficienza venosa (tecnologia laser, rimozione del tronco venoso, obliterazione e altri), vale la pena di aiutare la medicina soprattutto cambiando le abitudini specifiche. Si tratta principalmente di fermarsi a lungo in piedi o seduti, mettere una gamba su una gamba, bagni caldi e bagni di sole intensivi, e in cambio di riprendere l’attività fisica, applicando una dieta appropriata e il possibile uso della terapia compressiva, cioè la terapia compressiva, in altre parole, indossando calze o collant speciali.

Cosa sono i ragni vascolari e di quanto dovrebbero preoccuparci?

Le vene vascolari del ragno sono piccoli vasi sanguigni dilatati, rossi, blu o viola, formatisi appena sotto la superficie della pelle. Si verificano più spesso sulle gambe e sul viso, formando una piccola rete che si estende da un punto all’altro. Queste vene di ragno sono chiamate teleangiectasie nel linguaggio medico.

Sembrano essi stessi innocui ma dovrebbero essere un segnale di avvertimento, soprattutto se accompagnati da altri sintomi inquietanti, quali gonfiore alle caviglie, gambe pesanti, crampi e dolori ai muscoli dei polpacci, sensazioni di formicolio e pulsazioni, affaticamento degli arti inadeguati allo sforzo.

La rottura dei vasi sulle gambe (il termine è un po’ fuorviante perché di solito i vasi non si rompono, ma si espandono solo) è molto spesso il primo stadio di insufficienza venosa cronica, una malattia grave che può avere conseguenze pericolose, come l’infiammazione trombotica delle vene. Ciò rende ancora più importante reagire in tempo, consultare un medico e intraprendere un trattamento conservativo o, nel caso di uno stadio più avanzato, la rimozione chirurgica delle teleangectasie.

Vene di ragno sulle gambe – cause di occorrenza

La comparsa di vene vascolari di ragno è il risultato di disturbi della circolazione sanguigna nel sistema venoso degli arti. L’incapacità delle valvole venose, la fragilità e la minore elasticità dei vasi sanguigni nonché i disturbi nell’azione del meccanismo di vasocostrizione e vasocostrizione causano il ritiro del sangue, il ristagno e l’aumento della pressione sanguigna nei vasi. Come risultato di queste anomalie, il sangue si accumula in certi luoghi, i vasi si dilatano eccessivamente e a volte si rompono. Questi processi si accumulano nel tempo, dando luogo a una rete crescente di capillari rossi o viola.

A causa della loro origine, le teleangiactasie si dividono in primarie, cioè spontanee e secondarie, cioè acquisite. Le cause spontanee sono le predisposizioni genetiche e congenite, l’acquisizione di una posizione eretta o seduta a lungo termine, bassa attività fisica, obesità, ipertensione, gravidanza, abbronzatura troppo intensa e bagni caldi, trattamenti ormonali, dieta inadeguata, abuso di alcool, fumo, eccessivo sforzo fisico.

Nella maggior parte dei casi ci occupiamo di teleangectasie acquisite, il che significa che in qualche modo siamo responsabili di disturbi della circolazione venosa e dei suoi risultati sotto forma di vene di ragno e, di conseguenza, di vene varicose.

Vale la pena di notare che, mentre un eccessivo sforzo fisico può causare disturbi della circolazione venosa negli arti, un’attività fisica moderata è sicuramente benefica per le gambe. Durante la corsa, a piedi o in bicicletta, i muscoli di lavoro facilitano il flusso sanguigno, è difficile stare a lungo in piedi o seduti, specialmente con la gamba accesa. Pertanto, le persone che lavorano in una posizione immobile dovrebbero fare esercizi di tanto in tanto per costringere i muscoli a lavorare, e a casa a riposare il più spesso possibile con le gambe sollevate.

Come liberarsi dei ragni in piedi?

Se abbiamo a che fare con i primi e non molto avanzati cambiamenti, possiamo utilizzare i trattamenti disponibili negli istituti di bellezza o negli ambulatori dermatologici.

Tra questi: bendaggi vitaminici che sigillano le pareti dei vasi, trattamenti con torba, massaggi caldi e freddi alternati, drenaggio linfatico, elettrolisi basata sulla chiusura chimica dei vasi, termolisi basata sulla chiusura termica dei vasi, fotocoagulazione, terapia con lampada Solux con filtro blu, vasi dilatati termoretraibili sonofori.

Nel caso di lesioni più avanzate, vengono utilizzati diversi metodi di trattamento, a seconda che si tratti di singoli vasi o dell’intera rete ragno. Le procedure mediche più comunemente usate includono la scleroterapia che comporta l’obliterazione, cioè la chiusura del vaso con un preparato iniettato. Se si dispone di un piccolo vaso singolo, una sola procedura è sufficiente per farlo crescere su di esso. In altre situazioni, la terapia deve essere eseguita più volte. Un’altra variante della scleroterapia è il cosiddetto metodo della schiuma Tessari, che consiste nell’iniettare la preparazione schiumata per chiudere il vaso.

A volte, dopo una precedente scleroterapia, viene eseguito un ulteriore trattamento con laser pulsante. Questo funziona in modo tale che la luce laser viene assorbita dall’emoglobina e distrugge le pareti del vaso, che viene poi assorbito dal tessuto circostante. Un altro metodo comunemente usato è l’elettrocoagulazione, per cui la corrente taglia le proteine nelle pareti dei vasi sanguigni, che vengono assorbite ed espulse dopo un certo tempo. La criochirurgia è utilizzata anche per eliminare le vene del ragno, dove il lume dei vasi sanguigni è chiuso da protossido d’azoto o azoto liquido.

Va sottolineato che, indipendentemente dalle procedure eseguite, è consigliabile assumere farmaci o integratori alimentari che rafforzano le pareti dei vasi sanguigni e ne prevengono la fragilità. Questi includono, ma non sono limitati a prodotti contenenti estratti di routine, di amamelide o di castagno. Questo previene la possibile ricorrenza di vene vascolari del ragno. Non meno importante è l’attività fisica sistematica, l’esercizio fisico per migliorare la circolazione negli arti inferiori, una corretta alimentazione e la rassegnazione da abbigliamento, biancheria intima e calzature che interferiscono con la circolazione e causano pressione sui vasi sanguigni.

Guarda qui: Classifica delle pillole della vena varicosa

Casa modi per ragno vene sui vostri piedi

1. Il movimento è salute!

Poiché l’essenza del problema della teleangiectasia sono disturbi della circolazione sanguigna nel sistema venoso degli arti inferiori, è essenziale per ripristinare il corretto flusso sanguigno e prevenire la sua reversione attivando i muscoli delle gambe. Si tratta naturalmente di massaggi, ma soprattutto di attività fisica.

Una porzione quotidiana di camminata veloce, corsa, nuoto, ciclismo o ginnastica è particolarmente importante per le persone che trascorrono molto tempo in una sola persona, ferma, in piedi o seduta. Non si tratta di forzare il corpo con esercizi assassini, perché può fare più male che bene, ma si tratta di un esercizio fisico moderato, ma sistematico, che coinvolge principalmente gli arti inferiori.

Anche al lavoro, è possibile esercitare le gambe, ad esempio allungando e rilassando i muscoli, facendo qualche passo o seduti, o in piedi a turno sulle dita dei piedi e sui tacchi. Il punto è che le gambe non devono rimanere immobili troppo a lungo, poiché ciò provoca una stagnazione del flusso sanguigno. Dovresti anche rinunciare ai tacchi alti e riposare a casa con le gambe alzate.

Non sottovalutare la tua dieta!

Una dieta adeguata non è meno importante. Se ci sono segni di problemi circolatori sotto forma di vene di ragno, si dovrebbe considerare di cambiare le proprie abitudini alimentari. Una dieta ricca di frutta e verdura fornirà all’organismo le vitamine A, C ed E di cui ha bisogno, così come minerali come rame, zinco e selenio e composti bioflavonoidi, tra i quali la routine è particolarmente importante. Invece di piatti pesanti e piccanti, dolci e alcool, è meglio raggiungere le tisane contenenti arnica, tisana, tisana, camomilla, equiseto di campo, aronia, chokeberry, corteccia di castagno e citronella.

3. Non surriscaldare la pelle, non prendere il sole!

E’ assolutamente necessario evitare di surriscaldare la pelle, il che significa che bisogna evitare bagni caldi, sauna, abbronzatura intensiva, proteggendola anche dal freddo e dai rapidi sbalzi di temperatura. Ci prendiamo cura della pelle con le vene vascolari del ragno utilizzando preparati cosmetici di buona qualità che, fortunatamente, oggi non mancano sul mercato. Utilizziamo solo creme con filtri di protezione UV.

Indossare speciali collant a compressione contro le vene del ragno e le vene varicose!

Possiamo anche raggiungere per un dispositivo medico ampiamente disponibile, che sono collant varicose vena varicose. Tuttavia, occorre garantire che il dispositivo medico sia effettivamente un dispositivo medico conforme alle norme UE, che abbia un livello di compressione definito con precisione e un tacco chiaramente definito. Per questo motivo è importante, perché un tacco opportunamente sagomato garantisce una corretta pressione nella zona della caviglia. Si presume che la pressione alla caviglia dovrebbe essere del 100%, mentre la pressione verso l’alto dovrebbe gradualmente diminuire, fino a circa il 70% al polpaccio e circa il 40% intorno alla coscia.

5. utilizzare compresse per capillari screpolati sulle gambe!

Oltre alla cura esterna della pelle affetta da telangiectasia, non dobbiamo dimenticare di fornire al corpo sostanze che sostengono i vasi sanguigni e migliorano la circolazione sanguigna. Sono all’inizio:

  • Vitamina C – sigilla i vasi sanguigni e li rende più flessibili, stimola la rigenerazione e previene l’indurimento dei vasi sanguigni;
  • Vitamine K ed E – miglioramento della circolazione sanguigna;
  • Vitamina PP – riduce la permeabilità dei vasi sanguigni e ne previene le screpolature;
  • silicio – abbassa la pressione sanguigna, regola la permeabilità dei vasi sanguigni e migliora l’afflusso di sangue alla pelle;
  • Routine – rafforzare, sigillare e rendere più flessibili i vasi sanguigni;
  • diosmina ed esperidina – antinfiammatorio, rinforzando e sigillando i vasi inibendo la degradazione dell’acido ialuronico;
  • escina ed eskulin – antinfiammatorio, riducendo il gonfiore, sigillando i vasi sanguigni.

La maggior parte di queste sostanze viene fornita all’organismo attraverso il cibo, ma di solito in quantità insufficienti, soprattutto quando vi è una maggiore necessità di tali sostanze a causa di disturbi circolatori. Pertanto, se abbiamo un problema di vene di ragno sulle gambe, si raccomanda un’integrazione sistematica di specifiche appropriate. Le compresse per capillari e la migliore circolazione periferica disponibili sul mercato farmaceutico saranno un buon complemento alla dieta quotidiana con i principi attivi necessari nella lotta contro le vene del ragno o vene varicose.

I migliori integratori di questo segmento si basano su alcuni estratti vegetali di particolare pregio, tra i quali vale la pena citare l’estratto di erba di San Giovanni, estratto di foglie di vite o l’estratto di ippocastano, insostituibile in questi casi. Quest’ultimo ingrediente è noto per le sue proprietà benefiche: non solo rafforza e sigilla i vasi sanguigni, ma anche fluidifica il sangue e ne accelera il flusso, elimina il gonfiore e ha un effetto antinfiammatorio.

Gli effetti ottimali in termini di rafforzamento dei vasi sanguigni, di miglioramento della circolazione sanguigna negli arti inferiori e di inibizione del processo di formazione delle vene di ragno sulle gambe saranno ottenuti con integratori alimentari multicomponente (es. Varicorin), che, grazie alla presenza di più componenti diversi con proprietà simili, lavorano molto più forti dei preparati monocomponente o bicomponente.

CATEGORIE:Salute

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *