Carenza di iodio nell’organismo – sintomi e modi per compensare i deficit

Iodio è uno degli elementi più importanti presenti nell’organismo, di grande importanza per la nostra salute fisica e mentale, soprattutto in relazione al funzionamento della tiroide, la ghiandola responsabile delle piu’ importanti funzioni vitali.

Iodio – proprietà e ruolo nell’organismo

Questo elemento fa parte dei cosiddetti microelementi, perché, sebbene ne abbiamo bisogno di poco, la vita senza di esso non sarebbe possibile. È uno dei nutrienti chiave necessari per il corretto sviluppo del cervello, dello scheletro e degli organi come i polmoni, lo stomaco, il pancreas, gli organi riproduttivi, gli occhi e la pelle. Partecipa al processo della respirazione cellulare e di produzione energetica, influisce sul funzionamento del cervello e del sistema nervoso, dei muscoli, del cuore e dei reni. È un antibiotico naturale, partecipa alla disintossicazione dell’organismo.

Iodio è essenziale per il corretto sviluppo del feto e del bambino. Mentre negli adulti i suoi deficit si manifestano soprattutto in disturbi tiroidei, nei bambini può portare a disturbi molto gravi, anche mentali.

Iodio e tiroide

La carenza di iodio la associamo di solito ai problemi legati alla tiroide. E proprio così, perché è un elemento assolutamente necessario per la sintesi degli ormoni tiroidei, ed è dal loro giusto livello che dipende il corretto funzionamento sia della ghiandola stessa che di altri organi e sistemi.

Garantire una quantità sufficiente di questo oligoelemento è essenziale non solo per la sintesi degli ormoni tiroidei, ma anche per il suo corretto funzionamento e la sua struttura. Anche una piccola carenza di iodio causa disturbi del metabolismo e disturbi di altre funzioni vitali. Tuttavia, deficit a lungo termine portano a ipotiroidismo, ingrossamento della tiroide e formazione di gozzo.

Bisogna essere consapevoli che qualsiasi disturbo dell’equilibrio naturale può causare malattie della tiroide – sia la carenza che l’eccesso di iodio può causare ipertiroidismo o ipotiroidismo. Il fabbisogno giornaliero di iodio dipende dall’età, in un adulto è di circa 150 microgrammi al giorno, ma aumenta per esempio nelle donne in gravidanza o in allattamento di altri 100 microgrammi.

Leggi anche: Zinco e selenio al servizio del benessere dell’organismo

Carenza di iodio – sintomi

La mancanza di questo micronutriente si manifesta solitamente in ipotiroidismo. In questo caso abbiamo a che fare con sintomi come:

  • aumento di peso,
  • intolleranza al freddo,
  • affaticamento cronico,
  • sonnolenza e apatia,
  • dolori muscolari e articolari,
  • rallentamento motorio e mentale,
  • pelle secca e pallida,
  • perdita di capelli,
  • gonfiore,
  • gozzo.

L’ipotiroidismo non curato porta a gravi conseguenze per la salute – rallentamento cardiaco e circolatorio, ipertrofia cardiaca, insufficienza circolatoria, rallentamento dell’eliminazione dell’acqua dall’organismo e come risultato l’accumulo di liquidi nella cavità addominale, disturbi del ciclo riproduttivo, disturbi digestivi, perdita dell’udito.

Carenza di iodio – come compensare i deficit

Il modo più ovvio e senza fatica per compensare le carenze è quello di soggiornare al mare. Di iodio è ricca non solo l’aria, ma anche l’acqua e suolo, per cui oltre alle passeggiate è opportuno consumare prodotti agricoli e caseari del luogoe e soprattutto il pesce.

I pesci marini e le alghe dovrebbero essere la base della dieta delle persone che soffrono di carenza di iodio, indipendentemente dal loro luogo di residenza. I prodotti ricchi di iodio includono anche alghe come clorella e spirulina, fucus vesiculosus e spinaci di nuova zelanda oppure spinaci comuni. Sono inoltre consigliati i formaggi, compresi i formaggi verdi, i prodotti a base di latte fermentato, il riso integrale e il pane integrale. E’ comunemente disponibile anche il sole iodato come un modo efficace e rapido per colmare le carenze.

Tuttavia, se per qualche motivo (ad esempio a causa di ipertensione) dobbiamo limitare il consumo di sale e non siamo in grado di includere abbastanza pesce nel menu, possiamo usare un integratore alimentare come Thyrolin. Questo prodotto contiene un ingrediente chiave dal punto di vista della carenza di iodio, cioè il fucus vesiculosus, così come una serie di altri ingredienti a sostegno della salute della tiroide.

D’altra parte, Spirulin Plus contiene nella sua composizione alghe pregiate – clorella e spirulina.

Controlla:

Rate this post

CATEGORIE:Salute

2 comments

  1. Sono d’accordo. Lo iodio in casi di ipotiroidismo e’ indispensabile, accompagnato da una dieta adeguata in questo caso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *